inizia TURBìNE, Rassegna di jazz di confine a cadenza quindicinale_

Abbiamo scelto un sottotitolo importante per un nuovo spazio autodeterminato sulla scena musicale di Roma. L’avanguardia è ancora possibile nei sentimenti con cui si vive in corpo la musica.

Turbìne Musicali
//// 6 e 20 Novembre //// 4 e 18 Dicembre 2015
presso TAG – Tevere Art Gallery

TURBINEred writeQuattro concerti, ma giusto per cominciare…

In epoca di manierismi spogli di passione, talvolta anche di conformismi e carrierismi nella musica, si riparte dal motore: il turbine sonoro ed emotivo del musicista e del suo strumento.

TURBìNE è una rassegna di jazz di confine a cadenza quindicinale.

La meccanica del festival: promuovere prioritariamente i dischi andati in stampa di recente ed aprire una finestra di attenzione per i migliori progetti musicali autografi in circolazione. Specialmente se appena editi, colti sull’uscio di una sala di registrazione e sull’orlo di una emozione dal vivo.

Sabotiamo cervellotici assolo ed altre anaffettività musicali.

Ulteriore turbìna “selettiva” da direzione artistica: scegliere formazioni che non calchino abitualmente i palchi dei club romani.
O poiché provengono da contesti urbani limitrofi o perchè meno pubblicizzati.

Al TAG, locale dal nome significante, le TURBìNE del jazz si accendono per la prima volta il 6 Novembre. Il palco è quasi pronto, in una strada che è  già la sponda sonora del gorgogliare del Tevere.

Un Tag è alla lettera un’etichetta esplicativa, applicabile a qualsiasi prodotto musicale (per esempio JAZZ!)  e quando contraddistingue l’autore ne vuole definire l’identità artistica attraverso l’appartenenza ad un linguaggio. Stilemi inclusi.

A Turbìne invece interessa la personalità di un musicista: una valore non misurabile sulla sua identità ( quella da Tag per capirci), ma che semmai è la variabile incalcolabile della sua inventiva.
Quella in grado di suscitare qualcosa sul volto di chi ascolta.


////////// IL PROGRAMMA /////////

Venerdì 6 Novembre
URBAN 5TET
urban5tet_R tag logo

Andrea Biondi – Vibrafono, Enrico Bracco- chitarra, Daniele Tittarelli- Alto Sax, Jacopo Ferrazza- contrabbasso,
Valerio Vantaggio- batteria

Le composizioni attingono da una matrice minimalista, ispirata visivamente ai “quadri” di un famoso video game pensati ed espressi in percorsi jazzistici. L’ idea di Biondi è spuntata fuori inaspettatamente da un banner pubblicitario on line che ricordava al musicista la sua dimensione quotidiana schiacciata dalle incombenze pratiche di un adulto: “ho due soli scopi nella vita, trangugiare pillole e scappare da inquietanti fantasmi…” affermava il protagonista di Pac Man negli anni 80.

La nemesi dell’Urban 5tet è la rivincita dell’uomo-bambino che passa attraverso l’invenzione, la creatività e la fantasia.

/////////////////////////

martozDurante il live degli URBAN 5tet che apre  #TURBINE MUSICALI avremo a lavoro, proprio accanto al vibrafono di Andrea Biondi, MARTOZ.

Attivo nella street art della scena romana, fumettista ed illustratore di talento, in prestito per una sera soltanto, alle Turbìne del jazz.

Una piccola biografia di questo disegnatore per chi non avesse voglia di cercarlo sui muri più interessanti di Roma ed altre città italiane: Martoz nasce ad Assisi nel 1990, studia a Roma dove tutt’ora vive. Dopo aver frequentato la Scuola Romana del Fumetto e l’Istituto Europeo di Design, apre a Roma il Lab.Aquattro dove si occupa di autoproduzione editoriale. Ha collaborato con Inuit, Squame, Lucha Libre, iFix, the Hoo- chie Coochie, Parade, Popper Mag, MalEdizioni. Ha esposto i suoi lavori a Parigi e Los Angeles. È in uscita il suo primo fumetto autoriale “Remi Tot in STUNT”. A Gennaio terrà un workshop di illustrazione a Mosca.
Teme che questa esperienza gli costerà probabilmente le dita dei piedi…

Per TURBìNE  eseguirà un intervento di Poster Art durante il live set degli URBAN 5TET.


Venerdì 20 Novembre
ALESSANDRO GWIS TRIO
GWIS Rtag

Alessandro Gwis – piano, Luca Pirozzi – contrabbasso, Marco Rovinelli – batteria

Lo storico pianista degli Aires Tango si muove tra musica latina echi della tradizione musicale europea, jazz ed elettronica, usata in modo sottile e assai personale. Molteplicità di suggestioni quindi in una consistente coerenza narrativa ed artistica.
Il contributo decisivo dell’elettronica che Gwis gestisce a lato del suo pianoforte, crea dei paesaggi sonori inaspettati e stranianti.
Turbìne li ha scelti perché il loro è un progetto dinamico e coraggioso; una musica stilisticamente non ortodossa e che si offre come strumento per l’immaginazione di chi ascolta.


Venerdì 4 Dicembre
FRANCESCO FRATINI 4TET
fratini_R_logo tag

Francesco Fratini- tromba, Domenico Sanna- piano, Luca Fattorini- contrabbasso, Matteo Bultrini- batteria

Un sound compatto e determinato, espressione della civiltà urbana che fa da scenografia alle quotidianità di quattro musicisti. I quattro strumentisti si incontrano provenendo da esperienze formative disparate, si scelgono per attraversare un territorio nuovo ma già solido perché affonda nella ricerca condivisa. Il loro stile è decisamente influenzato dall’illustre operato dei colleghi statunitensi, ma la connotazione personale è declinata nella scelta di pezzi propri.
Un repertorio originale, pieno di ricchezza inventiva.


Venerdì 18 Dicembre
EMANUELE CISI 4TET
Cisi_R logoTAG

/////////Anteprima ////////Clear days Windy nights/////

Andrea Rea- piano, Vincenzo Florio- contrabbasso, Adam Pache- batteria

Sassofonista tenore e soprano, personalità di primo ordine nel jazz internazionale, Emanuele Cisi è oggi uno dei sassofonisti italiani più stimati nel mondo. Nato a Torino nel 1964, viene premiato dalla rivista Musica Jazz come miglior nuovo talento nel 1995. Da allora la sua carriera professionale si snoda tra Italia, Europa e Stati Uniti. Si è esibito anche in Cina, in Oceania e Sud America. Ha suonato con: Clark Terry, Nat Adderley, Jimmy Cobb, Albert Heat, Benny Golson, Aldo Romano, Enrico Rava, Paolo Fresu e molti altri.
Ha all’attivo 8 dischi a suo nome, più di 100 come sideman o co-leader. E’ docente di Sassofono Jazz al Conservatorio Verdi di Torino. Nel suono ricercato e personale di Emanuele Cisi si uniscono diversi elementi: la profonda conoscenza della tradizione, uno spiccato senso della melodia e dello swing ed un approccio energico allo strumento.

In questa serata che chiude idealmente il primo bimestre di TURBìNE ascolteremo in anteprima “Clear days Windy nights “ (Abeat Records). Un disco attesissimo registrato in poco più di 5 ore, con la prestigiosa collaborazione in studio del pianista Eric Reed ed il trombonista Humberto Amesquita.



TURBìNE musicali è una rassegna di jazz di confine.
“l’avanguardia è nei sentimenti”
A cadenza quindicinale

Ingresso 5 euro
Tessera TAG obbligatoria e gratuita


//// 6 e 20 Novembre/// 4 e 18 Dicembre 2015
Inizio concerti ore 22

11426787_396429440558588_2584165547259832457_o
presso TAG -Tevere Art Gallery
Via di Santa Passera, 25, 00146 – Roma
http://www.tevereartgallery.net/contatti/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...